Press-IN anno XI / n. 2372

Roma Notizie.it del 16.10.2019

Approda il 18 Ottobre a Roma il caso editoriale “Peccato, io non sono sorda!”

IN OCCASIONE DEL 5° ANNO DI CODA ITALIA VENERDÌ 18 OTTOBRE ALLE 16.30 A ROMA NELL’ISTITUTO STATALE DEI SORDI DI VIA NOMENTANA 56, TIZIANA CECCHINELLI PRESENTA IL SUO SPIAZZANTE CASO EDITORIALE “PECCATO, IO NON SONO SORDA! “.
Storia di una bambina sana che cresce in una famiglia di sordi. Assieme all’autrice intervengono: Gloria Antognozzi, presidentessa CODA, Manolo Vacca, Consiglio Direttivo,
Ilaria Fornaciari.

“Peccato, io non sono sorda!” è l’autobiografia dell’autrice. È la storia di una bambina cresciuta da due madri, una udente, l’altra sorda. Appartenenti a due mondi distanti tra loro, il cui unico collegamento è lo spazio creato dal vivere assieme. Una terra di mezzo dove vivono tutti i figli udenti di genitori sordi e i famigliari di persone con disabilità. Due mondi e due modi di comunicare, con la voce e con le mani. È la storia di chi ha tentato di scappare, di chi non ha tollerato la vergogna di avere due genitori sordi, di chi non ha saputo tacere e di chi ha taciuto.
La figlia diventa donna e tre bambine sorde irrompono improvvise nel tran tran lavorativo. Impossibile resistere. Chiara, Martina ed Emma la riportano a casa, dove ha potuto recuperare il suo essere stata sorda per non sentire e non vedere le parole e gli occhi degli altri.
“Peccato, io non sono sorda!” è il racconto del cammino di una figlia mezza sorda e mezza udente. Amante della disabilità. Alla ricerca di se stessa.
Tiziana Cecchinelli vive e lavora a La Spezia dove gestisce da anni la cooperativa sociale Percorsi. Impegnata nell’ambito della disabilità e nella rieducazione dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento, collabora con scuole e enti pubblici. Come narratrice ha esordito nel 2006 vincendo il concorso letterario “Storie di Quartiere” con una novella di primo-Novecento. Negli anni ha pubblicato diversi racconti. Scrive testi teatrali ed è una delle ideatrici della compagnia “TeatraLIS” che realizza spettacoli anche sul territorio nazionale. Nel 2015 ha pubblicato il manuale “La Didattica in mano: la LIS come strumento operativo” edito da Armando Editore per la rieducazione della letto-scrittura nei bambini sordi. Per Erga ha già pubblicato Io giornalista sfigata detesto il foglio bianco e il frigo vuoto. Vuoto libera tutti! (M.C.G.)

Traduzione in LIS.
Per concludere, Aperisegno da Monk in via Giuseppe Mirri 36.